Home Youtube Dread | La Vera Storia di come, perdendo il lavoro, ha iniziato su Youtube

Dread | La Vera Storia di come, perdendo il lavoro, ha iniziato su Youtube

Scritto da Redazione

Dread, il cui vero nome è Matteo Picarazzi, è nato il 30 Aprile 1992 a Roma.

Da piccolo era svogliato e cercava mille scuse per non andare a scuola. La scuola gli puzzava così tanto che, dopo tre duri anni di superiori, nel 2008 lascia l’Istituto tecnico aeronautico che stava frequentando.

È proprio in questo periodo che Matteo si fa crescere i dreadlocks: i capelli che gli daranno l’ispirazione per il nome del canale Youtube.

All’età di diciotto anni, dato che non aveva più una scuola da frequentare, segue un corso per imparare a fare il barman e trova lavoro in un bar sulla spiaggia a Bibione, in Veneto. Dopo pochi mesi Matteo perde il lavoro a causa della sua capigliatura (clicca qui per sentire la storia completa), torna a Roma e inizia ad avvinarsi al mondo di Youtube.

Ecco come perdendo il lavoro da Barman Dread diventa uno Youtuber

Dread

Dread (Matteo Picarazzi) con i dreadlocks (2009)

Dread carica il suo primissimo video nel 2010 sul canale Mr SNiiPeX. Ora però non è più visibile perché è stato eliminato da lui stesso dopo meno di un anno a causa dell’inattività degli iscritti.

A Luglio del 2011 apre il nuovo canale chiamato xIDreaD (clicca qui per vedere il suo primo video). È con questo nuovo account che Matteo diventa uno dei creators di riferimento per gli appassionati di Call of Duty. Infatti ogni giovedì pubblica un episodio della serie “Road to commander”, la più seguita su Youtube Italia.

Nel frattempo Matteo fonda insieme ad Anima il clan dei GODz, uno dei clan italiani di Gears of War più famosi e prestigiosi di quel periodo.

La popolarità di Dread esplode trasformandolo in una Star nazionale

Dread

Dread (Matteo Picarazzi) e la Melagoodo (2013)

L’anno della svolta è il 2013; infatti Matteo inizia un’altra serie ancora più geniale e divertente: “La Sfida di Dread”. Ogni volta che viene ucciso dai nemici si infligge una punizione: beve limone, ingoia cannella, lecca il peperoncino e tante altri ingredienti disgustosi.

Intanto su Youtube era nata la Melagoodo e Matteo è uno dei primi ad entrarvi. Iniziano una lunga serie di collaborazioni e nel Giugno 2013 raggiunge il traguardo dei 100.000 iscritti, un risultato pazzesco per i creators italiani di quel periodo!

Dal 2014 la popolarità di Dread cresce a dismisura

Dread

Dread (Matteo Picarazzi) e i Boosers (2017)

Dread continua instancabilmente a pubblicare gameplay, vlog e video originali. Collaborando sempre più spesso con Rohn, GabboDSQ e gli altri di Melagoodo. La sua popolarità continua a crescere, incontra calciatori e personaggi famosi, viaggia moltissimo e ogni anno va a Los Angeles per l’E3, la più importante fiera di videogiochi al mondo. Nel frattempo i suoi iscritti continuano ad aumentare fino a quando nel Febbraio del 2017 diventano più di un milione.

Visto il grande successo del proprio canale, nell’autunno del 2017 Matteo Picarazzi apre e gestisce insieme ad Homyatol e Maurizio Valente un nuovo canale di Youtube chiamato Boosers. Su questo canale pubblicano vlog, fingono di rapire delle persone (clicca qui per vedere il video) e invitano altri creators come Leonardo De Carli, Anima e Riccardo Dose.

Attualmente Dread continua a pubblicare video regolarmente su entrambi i canali, vive a Milano nella Melagoodo House e viaggia spesso sia per piacere che per partecipare a fiere, eventi e programmi televisivi ai quali viene invitato.

Curiosità su Dread:

  1. Ama gli animali e casa sua ne è sempre piena, ha “adottato” gatti e cani randagi.
  2. Ama alla follia anche la squadra della Roma e disprezza la Lazio.
  3. Sul canale pubblica video in compagnia di ogni sua fidanzata, dal 2011 ad oggi ha avuto più di tre ragazze diverse.

Link ai profili social di Dread:

Articoli Correlati